Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

2023: Google e Apple si fondono, mentre Microsoft e Facebook…

13,00 E’ esattamente la una del pomeriggio qui nella mia casa di campagna. Mi sto godendo questo inatteso sole ottobrino di un 2023 senza lode né infamia. C’è però il fatto positivo che la prima parte di una tranquilla giornata di telelavoro sia arrivata alla boa del meritato spuntino.

13,01 Improvvisamente i sistemi di alert trasformano in un albero di natale il tablet predisposto per una videoconferenza. L’America si è appena svegliata e sui social network sta girando alla velocità della luce la notizia che Google e Apple si stanno per fondere, decisi a combattere il dilagante successo di quel motore di ricerca cinese, che tutti chiamano Lì, ma dal nome vero impronunciabile. La sua caratteristica è quella di avere un algoritmo che sembra leggerti nel cervello. In più, grazie all'alleanza con alcuni produttori di hi-tech, dalla Grande Muraglia stanno arrivando diavolerie tecnologiche a prezzi  stracciati e di eccellente qualità.   

12,59: Il mio programma di trading online, che ha l’ordine di passare al setaccio il web ogni nanosecondo e acquistare in autonomia alcuni titoli da me memorizzati in precedenza come “sensibili” sulle piattaforme "aperte" dei social network, si era già mosso dialogando con altri analoghi sistemi mente io pensavo a che panino preparami.

13,01,30 Sul video appare la conferma dell’acquisto, un prezzo del 5 per cento superiore alla chiusura di ieri (chiusura per modo di dire, visto che gli scambi viaggiano 24 ore su 24), ma le due azioni stanno salendo come missili, spinte da pazzesche richieste. Faccio due conti e quasi quasi con i guadagni domani mi tolgo lo sfizio di quei nuovi occhiali cinesi integrati con… Ora però devo vendere.

13,01,45 Un momento, cosa cos'è quest'altro alert? Come "i titoli stanno scendendo"? E il programma mi sta chiedendo cosa fare perché siamo già sotto del 5%, no del 10%, no del 20%. Ma se ti ho impostato per vendere ai primi problemi.

Ah, nessuno compra. Che facciamo?

Piangiamo, come altri milioni di trader fai da te nel mondo. Consolandoci che queste nuove piattaforme social permettono di acquistare e vendere direttamente senza intermediari, però con un limite di mille dollari.

13,01,59 Non c'è più nulla da fare. Mi rimane un nodo allo stomaco, ma anche la curiosità di capire cosa sia  accaduto. Vado sul sito della Sec (la Borsa Usa) e inserisco subito i nomi della due società trovando la secca dichiarazione delle aziende: “Notizie prive di fondamento, che abbiamo smentito un minuto dopo la loro diffusione”.

13,01,59,59 Nooo, ancora l’alert. Microsoft si starebbe per fondere con Facebook e Twitter? E chi lo dice, fenomeno di programma?

Il sito della Sec, con un comunicato ufficiale. Ma a che ora? 13,00…e adesso è troppo tardi per entrare con gli acquisti.

Il problema  è che avevo programmato il sistema di trading per valutare prima le notizie non ufficiali, tanto per essere più veloce e furbo degli altri. E questa, invece, era superufficiale, quindi messa in fondo alla gerarchia di analisi e intervento del mio software.

Sapete cosa vi dico? Mi sa che oggi salto lo spuntino e mi ripasso qualche vecchio buon fondamentale. Tipo: guai a investire sul “sentito dire”.  Chiunque o cosa lo dica.