Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La lezione di economia (e di vita) di una ragazza di liceo

I soldi non fanno la felicità però aiutano in alcuni casi. Lo sa bene chi è in difficoltà in questo periodo di crisi, che sembra non finire più. Se mi dovessero chiedere: "Scambi l’amore e l’affetto che la famiglia ti dà ogni giorno per un milione di euro?" sicuramente risponderei no. Non mi interesserebbero i soldi, se non avessi più gli abbracci della mia mamma, la risata del mio papà o le "lotte" con mio fratello.

Queste righe fanno parte  di un articolo scritto da una studentessa di liceo per l'iniziativa ilquotidianoinclasse.it  alla quale partecipa il Sole 24 Ore. Ogni settimana lanciamo un tema, in questo caso era "Cosa fareste con 10mila euro".
Ecco allora cosa aggiunge la studentessa e perché forse anche i  giovanissimi andrebbero ascoltati di più.

Ma se per caso un politico o comunque un uomo molto ricco, di quelli che sono nella classifica tra gli uomini più ricchi del mondo, perdesse il portafoglio non glielo ridarei. E se per caso ci trovassi 10.000 euro, salterei di gioia. La mia famiglia non naviga nell’oro e per prima cosa pagherei tutte le bollette arretrate e quelle del prossimo futuro, farei la spesa per un reggimento intero e comprerei tantissime bustine delle figurine dei calciatori per mio fratello. Poi penserei a me: mi comprerei un bel set di trucchi, di quelli che piacciono tanto a me e li condividerei con mia mamma, mi comprerei un nuovo telefono (non touch per caritàà!) e un computer portatile per lasciare quello fisso al resto della mia famiglia. Con i soldi rimanenti, che saranno quasi la metà li dividerei: 2500 li lascio alla mia famiglia e gli altri li metto via per l’università. Sì, sì, io farei proprio così con i miei soldi. Ma questo è tutto un sogno. Io vivo bene anche così: senza computer portatile, senza cellulare di ultima generazione e senza set di trucchi costosi. L’importante è sentirsi amati dalla propria famiglia ed è per questo che ho sempre il sorriso sulle labbra".


Una bella lezione, vero?